Cantine, ripostigli, seminterrati, garage e soffitte sono spesso luoghi in cui regna il disordine ed una certa anarchia, posti in cui vengono riuniti gli oggetti che non si usano più e che dovrebbero essere buttati (decisione che, inesorabilmente, non arriva mai).

Tra una tendenza all’accumulazione seriale e l’indecisione sul da farsi, le cose ammassate continuano ad aumentare, il tempo passa e la cantina, da risorsa, diventa un problema sempre più grande.

In questo articolo vedremo come fare il decluttering della cantina, partendo dalla compilazione di una lista che potrà facilitare e rendere meno ardua questa utile operazione.

Riordinare la cantina

Per mettere ordine, il primo passo prevede la rimozione degli oggetti che non servono davvero più.

A prescindere dalla lista che vedremo nel prossimo paragrafo, è fondamentale fissare questo concetto: non può esistere decluttering senza che alcune cose vengano buttate via. Può sembrare banale, ma spesso separarsi dagli oggetti risulta difficile, per questioni affettive o legate a qualche piccola mania tendente all’accumulo seriale.

Dunque, è bene essere consapevoli che qualcosa, inevitabilmente, andrà gettato via, senza possibilità d’appello: elettrodomestici rotti, vestiti usurati, mobili inservibili e così via.

Ovviamente, alcuni oggetti potranno essere recuperati, messi in vendita e regalati, ma di questo ce ne occuperemo tra poco.

La lista

Ecco un’utile check list per liberare la cantina dal disordine e ridarle una certa dignità:

1 Valutare gli oggetti – Abbiamo visto che il primo passo è buttare via le cose superflue. Per arrivare a compiere questo passo così importante, dovremo effettuare una valutazione degli oggetti, per capire cosa tenere e cosa gettare via. Dividete le cose in tre categorie: conservare, regalare e buttare via. In questo modo sarà più semplice procedere. Munitevi di scatole e scatoloni sui quali apporre la relativa categoria.

2 Scegliere scaffali e mensole – Dopo aver inscatolato, bisognerà dotare la cantina del giusto mobilio, sul quale verranno riposti gli oggetti da conservare. Librerie, mensole e scaffali troveranno alloggio e daranno il giusto ordine all’ambiente, andando a creare un perfetto spazio di archiviazione.

3 Classificare gli articoli – Quante volte capita di cercare qualcosa, soprattutto in cantina, e non riuscire a trovarla facilmente? Per evitare che ciò accada, dovrete classificare e dividere gli oggetti in modo coerente, applicando un’etichetta su ogni scaffale. Trovare le decorazioni natalizie non sarà più un problema.

4 Come conservare gli oggetti – Anche se l’ambiente è climatizzato, le scatole di cartone, nel corso degli anni, tendono a piegarsi, deformarsi e rompersi. Meglio optare per dei contenitori in plastica trasparenti: proteggeranno gli oggetti da calore, umidità e parassiti, e renderanno ancora più semplice la ricerca e l’identificazione di ciò che si sta cercando.

Un aiuto esterno

Riordinare la cantina è un’operazione lunga, tediosa e stancante, che può stressare sia a livello fisico che mentale.

Per questo è consigliabile affidarsi ad un’impresa di pulizie specializzata, che svolgerà il lavoro al posto del cliente.

DittaPulizieRoma è l’azienda che fa al caso vostro: presente nel settore da diversi anni, effettua diversi servizi:

  • Pulizie domestiche
  • Pulizie di uffici
  • Pulizie di alberghi e B&B
  • Pulizie condominiali
  • Pulizie di cliniche ed ospedali
  • Pulizie post ristrutturazioni
  • Pulizie di sgrosso
  • Pulizie di centri commerciali
  • Pulizie di palestre e centri sportivi

Ingaggiando DittaPulizieRoma, potrete ricevere un servizio preciso, puntuale, professionale ed economico, non dovrete preoccuparvi di nulla e soprattutto la cantina tornerà ad essere un luogo utile e vivibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.