Sanificazione contro il Covid-19

Ripartire è importante, farlo in sicurezza assolutamente necessario, oltre che un obbligo, morale e di legge. Il Covid-19 ha cambiato le nostre abitudini ci ha fatto familiarizzare tutti con dispositivi di protezione come guanti e mascherine e ha fatto entrare nel nostro vocabolario termini che prima usavamo poco o per nulla, come sanificazione.

Sanificazione covid-19 Roma

La sanificazione non è una semplice pulizia, ma un intervento che è oggi fondamentale e obbligatorio, ad esempio sui luoghi di lavoro. Le aziende non solo devono garantire elevati standard di pulizia, ma devono provvedere, come si legge nelle linee guida del Ministero del Lavoro e di quello della Salute, ad una sanificazione periodica di spazi, attrezzature e strumenti. Questo significa, nella gran parte dei casi, affidarsi a ditte specializzate che con apposite attrezzature e prodotti possano andare ad eliminare periodicamente ogni eventuale traccia di virus.

Il Protocollo per il contrasto al Covid-19

Dal 24 aprile 2020 esiste un preciso Protocollo ministeriale che regola le misure messe in atto per contrare e il contenere il più possibile la diffusione del Covid-19, in particolare negli ambienti di lavoro. Nel protocollo sono riportati con chiarezza quelli che sono gli obblighi per le aziende nella Fase 2.

Ogni impresa che desideri rimanere aperta e pienamente operativa dovrà essere in grado di assicurare una pulizia giornaliera e una sanificazione periodica dei suoi locali e delle singole postazioni di lavoro. Si dovranno sanificare anche gli ambienti comuni, come quelli per il relax o lo svago dei lavoratori.

Il protocollo parla di buone prassi, come la ventilazione degli ambienti e della pulizia con specifici prodotti che hanno dimostrato efficacia nell’eliminazione di altri coronavirus. Nel caso di eventuale presenza di una persona positiva al Covid in azienda si dovrà poi effettuare una sanificazione straordinaria attenendosi scrupolosamente a quanto indicato nella circolare numero 5443 del 22 febbraio 2020 redatta dal nostro Ministero della Salute.
Ogni azienda è tenuta per legge a garantire la pulizia dei suoi spazi a fine turno di lavoro e la sanificazione periodica di tastiere del computer e altri strumenti con cui i lavoratori entrano più spesso in diretto contatto. Il protocollo ministeriale precisa anche come gli interventi di pulizia e sanificazione periodica messi in atto nelle aziende possano far ricorso ad appositi ammortizzatori sociali (anche in deroga).

Sanificazione Covid-19, possibili vantaggi fiscali

La fiscalità è sempre un tema caldo. Quando si parla di salute non ci si dovrebbe preoccupare dei costi, ma è innegabile che ottemperare alle disposizioni di legge in questa fase rappresenti un onere significativo per aziende, che spesso si trovano già in difficoltà. Per far fronte a questa non semplice situazione il 17 marzo 2020, è entrato in vigore il Decreto numero 18, c.d. “Cura Italia”, che prevede che alle attività d’impresa, arte o professione, sia riconosciuto un credito d’imposta del 50% per recuperare parte delle spese sostenute proprio per la sanificazione degli ambienti di lavoro e degli strumenti maggiormente utilizzati dai lavoratori che in essi operano.
La misura, pensata allo scopo di incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, è riferita solo a spese documentate e fino ad un massimo di 20.000 euro per singolo beneficiario. La dotazione complessiva è di 50 milioni di euro per l’anno fiscale 2020.

Sanificazioni ambientali contro il Covid-19, perchè scegliere noi?

Offriamo da anni  ai nostri clienti soluzioni su misura, in base alle reali esigenze degli stessi. Se vuoi conoscere nel dettaglio il costo di una sanificazione, contattaci, ti faremo avere in tempi rapidi un preventivo gratuito, chiedici informazioni telefonicamente o compilando l’apposito form sul nostro sito web.